Luna

Era il 2 settembre 2018 e, come ogni domenica, io e il mio compagno avevamo deciso di andare a fare una gita fuori porta. Ora che ci ripenso, ricordo di aver proposto di andare alla fiera degli animali che si tiene ad Osteria Nuova in provincia di Rieti.

Per la strada, prima di entrare in fiera, incontrammo alcuni agricoltori che cercavano di far adottare dei cuccioli di cane e gatto. Incuriositi, ci fermammo da una signora che aveva ben 10 cuccioli di meticcio molto simili al Jack Russel, avranno avuto 60 gg circa e vedendoli così piccoli provai una forte emozione. Immediato fu il desiderio di portarli via con me, ma durò un istante e subito subentrò la mente a fermarmi, ricordandomi che si trattava di una responsabilità enorme e facendo venir fuori tutte le mie paure. “Riuscirò a prendermi cura di un pelosetto?”. Li guardai, toccai ed accarezzai mentre se ne rimanevano accoccolati uno sull‘altro. Andammo via, le paure avevano avuto la meglio.

Fortunatamente il mio ragazzo prese l’iniziativa e, afferrando una scatola di cartone, mi incoraggiò a tornare indietro.
Così, sempre impaurita, chiesi alla signora di mostrarmi le femminucce e tra loro ne emerse una più rotondetta rispetto alle altre, la presi tra le mani e la guardai negli occhi.
Il mio compagno si avvicinò ed esclamò “la prendiamo!”. La mise nella scatola di cartone e regalò alla signora alcuni euro per il cibo degli altri cuccioli; fu un’offerta fatta col cuore per ringraziarla della sua disponibilità.

Tornando verso casa mi assalirono di nuovo mille dubbi e cominciai a documentarmi su come gestire un cucciolo di cane. In realtà Luna, questo è il nome che scegliemmo per lei, era molto forte, molto più di me; la vidi combattere contro vermi e pulci con lo spirito di una vera leonessa e col tempo anche lei si affezionò sempre più a noi dimostrando ad ogni occasione la sua gratitudine.
Oggi posso dire più che mai che sono io ad essere grata a quella giornata e al mio compagno che riuscì con fermezza a farmi vincere le mie insicurezze.

Luna non solo ha riempito la mia vita, ma mi ha reso molto più forte e sicura Lei è il nostro amore anche perché la educatrice che la sta seguendo è riuscita da subito a farci capire quanto fosse sensibile ed intelligente e come dovevamo comportarci per gestire al meglio le sue reazioni di paura.

Certo, la vita con un peloso ti cambia, ma ti cambia in meglio ed è una meraviglia poter incontrare il suo sguardo così sincero e, anche per questo, così raro!